Dantina Massara Pittrice

Dantina

La Pittura e’ l’espressione d’arte in cui ho tradotto le mie emozioni.

Nasco fra sete e broccati a Busto Arsizio il 30 marzo 1946 . 200 anni dopo Goya e 93 dopo Van Gogh. 

Mia madre imprenditrice, stilista , insegnante di disegno e pittrice sogna che non disperda il patrimonio di pratica e conoscenza che lei ha donato a molte sue allieve.

Frequento il liceo scientifico per acquisire un minimo bagaglio culturale e proseguire l’attività imprenditoriale di famiglia. Contemporaneamente dipingo sotto la guida di mia madre e lavoro a cartelloni pubblicitari per vetrinisti e negozi di Milano. Mi iscrivo all’artigianato per lavorare a tempo pieno , il liceo mi ha lasciato una grande passione per la filosofia ,la fisica e l’arte. L’incontro con mio Marito, pianista dilettante ed appassionato, colto e musicologo che a fianco alla sua carriera di Legge ha sempre dato ampio spazio alla Musica, mi ha aperto il mondo di quest’Arte, che è divenuta il sottofondo della mia vita ed ispirazione per i miei Quadri.

Dantina Massara

I Primi passi

pittura olio su vetro. La Natura osserva il proprio paesaggio personificata da una Betulla in primo piano, che da sola occupa tutto il dipinto come mostrandosi sicura e orgogliosa

Fase 1

Il fascino del disegno dei rami nudi degli alberi contro il cielo, che accompagna il mio cammino sul viale verso il liceo la mattina, mi rendeva bella la giornata.
 
 
Non sapevo come esprimere quella Gioia, non avevo capacità poetiche, ho usato matite e colori con
cui avevo una dimestichezza “ familiare”.
Per questo nei miei primi quadri i tratti erano nitidi, il disegno evidente, il colore senza sbavature,
Poi la svolta.. il vetro mi permetteva un lavoro miniato più di altri supporti. Fu come un vento improvviso… che spazzò via ogni dubbio.

 
FOTO “BETULLA NEL VENTO” – Olio sotto vetro – Coll. Priv
..

Un Evento che mi ha cambiato

Fase 2

La perdita di mia madre dopo lunghe e atroci sofferenze cambia il mio sguardo e la mia pittura.
 
Il disegno  modifica la percezione del colore, il tratto si scioglie nelle sfumature, voglio esprimere una gioia che non mi è più così evidente, ma la cerco per non diffondere solo l’angoscia e la tristezza che annebbiano i miei giorni.

 

Ricerco situazioni insolite, immagini forti.. ascolto gli altri e traslo la mia emozione e al loro in un dipinto

 

L’opera abbandona l’aderenza allo specifico soggetto per delinearsi in una immagine più allegorica

 

.

Nuovi Pensieri

pittura sacra, quadro sulla crocifissione, olio su vetro

Fase 3

A causa di una asma grave che mi impedisce l’uso di farmaci tranquillanti ho alcune difficoltà a proseguire.
 
Continuo a dipingere per passione; nel mio pensiero si incrociano ora interessi che derivano da un passato amore per la fisica e la spiritualità. Mi interesso di filosofia, fisica quantistica, economia sostenibile, fisica astronomica.
 
Questi interessi e letture si susseguono nel tempo libero ed alla sera molto tardi, mescolandosi ancora ad una mia antica passione nella psicoanalisi.
 
Così torno a dipingere dopo un periodo di sospensione, ma lo stile cambia ed i temi esprimono questo mio nuovo sentire.
 
FOTO: QUADRO “LA CROCIFISSIONE” Olio Sotto Vetro – ANNO 2020 Coll Priv. 

 

.

quadro il bacio, olio su vetro. Amore Sacro e Amore Profano, uniti insieme per dare luce alla vita
La Passione e l’Amore.
 
Due diritti inalienabili nell’Essere Umano.
 
Nell’istante in cui due forme di vita si incontrano e manifestano questi sentimenti allora si sprigiona una intensità di energia… una luce quasi mistica che da interiore diviene esteriore . . . per chi sa coglierla.
 
Mi aspetto che almeno qualcosa rimanga anche in coloro che negato tutto questo.
 
 
 
 
 

 

.

Chi mi ha accompagnato nel Percorso

Italia Ottani, mia Madre

Lei mi insegnò l'amore per la pittura e le tecniche.

Alfredo Massara, mio Marito

Ha sempre seguito il mio lavoro professionale.

Sergio Rebora, Storico d'Arte

Storico dell'Arte, Autore di molti libri specializzati. Collaboratore e divulgatore scientifico per Musei. .

Giorno per giorno... con mio Marito Alfredo

Dedico un pensiero, più di uno, a mio Marito che nel tempo non solo mi è stato a fianco ma ha contribuito molto con i suoi consigli al mio evolversi. Con il suo amore per la musica che riempiva ed ancora riempie sempre le nostre giornate, abbiamo creato una atmosfera splendida per la Pittura. non solo musica ma Storia della musica, critica profonda della musica  che ha permeato il pensiero e la sensibilità. Solido e sicuro, delicato e deciso come un artista della musica deve essere. A Lui Pianista ma profondo conoscitore della Musica dedico il quadro dell’Albero violinista.

Sempre di buon umore

E' incoraggiante avere accanto una Persona che sa affrontare i momenti duri e difficili sempre con pacatezza e buon umore.

Le note del pianoforte

Che bello ascoltare le note ed ascoltare la Storia della musica e la particolare sfumatura di un passaggio.

pittura olio su vetro, la natura artista con un albero che suona il violino. La natura ha la sua musica, arte che per noi può essere magnifica se si desidera ascoltarla

La Quercia solida

La Natura ascolta ma non solo, la Natura sa creare Arte e Bellezza. Se la si sa comprendere... e se si vuole comprenderla.

Una dedica ad Amici Carissimi

Paola e Flavio

Storie ed incontro in una Pittura.

Paola e Flavio hanno accompagnato per molto tempo e ancora accompagnano il mio percorso artistico. Sono Amici di Famiglia molto cari.  

Ciascuno di loro ha avuto un precedente percorso non semplice ed alla fine il nostro incontro ha congiunto i loro destini dando inizio ad una splendida loro Storia.

Nell’opera che qui riporto si rappresenta una immagine che attraversa il tempo e narra di loro.

Una storia personale che ho sentito e desiderato moltissimo dipingere e donare a Loro. La riporto a memoria della nostra Amicizia..

Pittura Olio su Vetro, l'Amore quando è prima trappola e minaccia e diviene poi libertà e crescita